Preferenze Analisi

Da REW Wiki.

Preferenze di analisi

Le preferenze di analisi, modificano il modo in cui REW svolge alcuni suoi calcoli.

Analysis pref.png


Impulse Response Window Defaults

Il selettore della finestra Left Side e Right Side, offre una scelta di tipi di finestra che possono essere applicati ai dati della risposta all’impulso prima e dopo il picco. Questi rappresentano l’impostazione predefinita che sarà applicata alle nuove misure. I tipi di finestra per le misure esistenti, possono essere modificati attraverso il pulsante IR Windows, presnte sulla barra degli strumenti. Per impostazione predefinita, REW imposterà automaticamente la larghezza delle finestre, per mostrare la risposta complessiva della stanza. Per non tenere conto di questa impostazione, deselezionate la casella Set IR Window Widths Automatically e impostate le larghezze predefinite che desiderate siano applicate alle nuove misure.

Le selezioni effettuate per le finestre Spectral Decay e Spectral Decay Right, sono applicate ai dati della risposta all’impulso durante la generazione dei grafici del Decadimento Spettrale e del Waterfall.

Le selezioni effettuate per le finestre Spectrogram Left e Spectrogram Right, sono applicate ai dati della risposta all’impulso durante la generazione dei grafici dello spettrogramma.


Impulse Response Calculation

La selezione Use Loopback as Timing Reference, controlla il modo in cui REW utilizza il loopback sulla scheda audio come temporizzazione di riferimento per il canale in acquisizione, per eliminare la propagazione dei ritardi all’interno della scheda audio e del computer. Il segnale del canale di riferimento, deve essere inviato attraverso l’uscita, all’ingresso della scheda audio, affinchè questa opzioni funzioni. Se questa opzione non è stata selezionata, REW imposterà l’istante zero della IR, in base alle impostazioni di Set t=0 at IR Peak.

Se si utilizza una connessione di loopback come riferimento, REW può calcolare il ritardo del sistema da misurare e mostrarlo nel pannello Info della misura come "System Delay" espresso in millisecondi, con la distanza equivalente in piedi e in metri mostrata tra parentesi. Da notare che I valori del ritardo, non sono accurati per le misure relative ai subwoofer, a causa della limitata larghezza di banda della risposta del subwoofer. Il ritardo stimato, è basato sulla posizione del picco della risposta all’impulso e I subwoofer hanno un ampio picco e una risposta ritardata.

La selezione del parametro Set t=0 at IR Peak, controlla il modo in cui REW imposta l’istante zero per far corrispondere la risposta all’impulso con la posizione del picco. Se questo non è impostato, REW stimerà un ritardo qualsiasi nella risposta all’impulso. Rimuovetelo ed impostate il tempo t=0 di conseguenza.

La selezione del parametro Sub-sample Timing Adjustment, controlla come REW regola i tempi della risposta all’impulso a risoluzioni inferiori ad un singolo campione quando l’impostazione t=0 al picco della IR o utilizzando l’altro canale come temporizzazione di riferimento. La regolazione della temporizzazione del sotto-campionamento, richiede un ricampionamento della risposta all’impulso, che innanlza leggermente il rumore di fondo della misura. Tuttavia l’aumento è molto al di sotto del rumore di fondo tipico di una misura acustica e una regolazione del sottocampionamento, fornisce informazioni relative alla fase più accurate, alle alte frequenze.

La casella Decimate IR, controlla come REW riduce la frequenza di campionamento della risposta all’impulso, che corrisponde alla gamma di frequenze nella misura. La selezione di questa opzione, riduce enormemente la dimensione della risposta all’impulso per le misure a bassa frequenza e velocizza il processo dei dati.

Quando le risposte all’impulso sono importate, la posizione dell’istante t=0, può essere impostata sia al primo campione nei dati importati o nella posizione del picco della risposta all’impulso.

Dopo che REW ha effettuato una misura, può interrompere la risposta all’impulso derivata, per preservare le importanti informazioni mentre minimizza lo spazio di archiviazione richiesto per il file della misura. Viene mantenuto un periodo di 1 secondo prima del picco, e per impostazione predefinita, viene mantenuto un periodo di 1.7 secondi dopo il picco (questo varia leggermente e dipende dalla frequenza di campionamento. A 44.1k (o multipli) vale approsimativamente 2 secondi, mentre a 48k vale 1.7 secondi). In alcuni casi può essere utile mantenere più risposta all’impulso come per le misure in spazi molto grandi che potrebbero avere risposte all’impulso molto lunghe. REW fornisce delle opzioni per interrompere la risposta all’impulso dopo circa 4,4 secondi o dopo 9.9 secondi, oppure ancora, mantenere l’intera risposta all’impulso. Notare che la conservazione dell’intera risposta all’impulso, produce file di dimensioni molto maggiori, specialmente se vengono utilizzati sweep di misura particolarmente lunghi. Se viene mantenuta l’intera risposta, il picco sarà posizionato nel suo centro.


Frequency Response Calculation

Il comando Allow 96 PPO Log Spacing, controlla il modo in cui REW converte le risposte in frequenza da dati linearmente distanziati a dati logaritmicamente distanziati a 96 punti per ottava. La FFT che calcola le risposte in frequenza, produce dati che sono linearmente distanziati in frequenza. Per esempio, c’è uno step a frequenza costante da ogni valore al successivo. Per la parte relativa alle alte frequenze delle risposte, ciò significa che c’è un elevato numero di punti che utilizzano molta memoria ma non forniscono nessun contribuito alla visualizzazione dei dati. Quando questa opzione viene selezionata (lo è per impostazione predefinita),REW convertirà automaticamente le risposte in frequenza in una serie più efficiente di dati distanziati logaritmicamente con 96 punti per ogni ottava della risposta se questo ridurrà l’utilizzo di memoria (che è generalmente il caso di sweep che terminano sopra i 300 Hz o similari). Come parte del processo di conversione, REW applica prima un filtro smoothing a 1/48 di ottava ai dati, per rimuovere dalla risposta ogni combinazione ad alta frequenza. La conversione avviene per ogni nuova misura oppure dove viene applicata la finestra IR. Se una misura è distanziata linearmente o logaritmicamnte, può essere visualizzato all’interno della finestra info, che si puo aprire cliccando sull’omonimo pulsante nella barra degli strumenti.

Nota: la conversione a 96 punti per otava, è inibita se il picco dell’impulso è lontano dall’impulso a istante zero, dove “lontano”, significa che il picco, è distante da zero, di un tempo che corrisponde ad uno sfasamento maggiore di 90 gradi tra i campioni alla frequenza finale di misura. Questo serve a prevenire l’aliasing dei dati della fase alle alte frequenze, che porterebbe a valori del ritardo di gruppo non corretti.

Il comando Show Response Below Window Limit, controlla come REW visualizza le risposte in frequenza e di fase a frequenze più basse di quelle valide per l’attuale larghezza della finestra di risposta all’impulso. Per esempio, se la larghezza della finiestra era 10ms, le frequenze sotto i 100Hz non sarebbero state valide e quindi normalmente, non visualizzate. Ci sono circostanze in cui può essere utile visualizzare i dati, e questa opzione lo consente, ma le risposte vengono mostrate tratteggiate ad indicare che esse si trovano in realtà sotto la parte non visibile della finestra.

Lo smoothing predefinito da applicare alle nuove misure, può essere selezionato attraverso il menu a discesa collocato dopo la casella di selezione Allow 96 PPO log spacing.

Se l’opzione Limit Cal Data Boost to 20dB, viene selezionata, REW limiterà il guadagno totale applicato per compensare l’attenuazione dei dati di calibrazione di 20dB. Questo eviterà una eccessiva amplificazione del rumore di fondo nelle aree in cui la combinazione delle risposte del microfono/fonemetro e della scheda audio, sono più basse di 20dB. Queste impostazioni influenzano la risposta in frequenza, il grafico RTA e la lettura SPL e viene anche applicato durante il calcolo matematico della traccia.


Indice dei contenuti - Torna su